“Spending review e macelleria sociale” quale è il nesso?

“Macelleria sociale”. Ho ancora nelle orecchie queste parole pronunciate dal presidente della Confindustria, Giorgio Squinzi, qualche settimana fa durante un incontro pubblico insieme alla Segretaria Generale della CGIL, Susanna Camusso, dopo che il Governo aveva approvato la “spending review”. Queste due parole fecero sobbalzare sulle sedie alcuni ben pensanti di questo paese, associati confindustriali, del calibro di Luca di Montezemolo e Tronchetti Provera che iniziarono a fare fuoco amico contro le parole di Squinzi prendendo le difese del Governo Monti.

La “spending review ora è un decreto legge e il Parlamento la sta valutando per farla diventare legge quanto prima e i provvedimenti di tagli ed accorpamenti sono sotto gli occhi di tutti. Il rischio reale di macelleria sociale c’è. Dovendo procedere, per legge, alla revisione delle piante organiche della pubblica amministrazione, le persone (lavoratori) in esubero che non troveranno sbocco in altri settori verranno messi in mobilità con il rischio reale di essere lasciati a casa senza ammortizzatori e i poveri, come accertato dall’ISTAT in questi giorni, aumenteranno sempre più.

I tecnici del Governo Monti hanno cercato di indorare la pillola chiamando il D.L. n. 95 del 6 luglio “disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini”, e dichiarando ai quattro venti che non si tratta di tagli lineari ma sono selettivi anche se molti analisti considerano la “spending review” alla stessa stregua di una delle tante, purtroppo, manovre, effettuate negli ultimi anni. Il motto governativo potrebbe essere “tagliare per non aumentare”, allo scopo di non aumentare l’IVA decisa dal Governo Berlusconi nel 2011 ma che rischia, viste le condizioni del nostro paese, di essere una mera chimera e ritrovarci tra un po’ con entrambi i provvedimenti sulle spalle.

Ridurre e non variare i servizi ai cittadini. Il provvedimento governativo potrebbe essere la panacea a tutti i mali italici ma alla fine appare un’affermazione che lascia perplessi i più ed infatti non c’è stato presidente di Regione, sindaco o presidente di Provincia che non si sia lamentato dei tagli ai trasferimenti, della possibile chiusura di piccoli ospedali sotto un certo numero di posti letto e dei molti altri provvedimenti che solo applicandoli sul “campo” produrranno gli effetti che rischiano di peggiorare la vita dei cittadini o nei migliori dei casi, avere lo stesso servizio a costi aumentati.

Se il debito pubblico è il fardello di questo paese (2 mld di Euro), come si fa a ridurlo senza incidere sulle spese che vengono sostenute dallo Stato nel suo complesso e in modo particolare per costi degli stipendi pagati al personale della pubblica amministrazione? Lo spread è vicino a quota 500, le riforme pensionistiche e del lavoro sono state fatte e votate da un Parlamento che vede PD-PDL e UDC in maggioranza anomala non uscita dalle urne e la gente ha paura; il rischio che tutto il paese venga esodato senza salvaguardia è molto forte.

Pareggio di bilancio e fiscal compact, provvedimenti nati con uno scopo e che a detta di molti economisti, non di scuola montiana, rischiano di affondare un paese che paga ora anni di allegra gestione della finanza pubblica e la “macelleria sociale” evocata da Giorgio Squinzi, rischia di essere dietro l’angolo.

Annunci

Informazioni su Bruno Angelo Porcellana

Mi piace viaggiare, scattare fotografie e sono molto curioso. Mi piace la multimedialità artistica in tutte le sue forme. Sono un appassionato fotografo, mi piace scrivere ma più di tutto sono interessato alle novità, mi piace scoprire e imparare. Mi piace andare al Cinema. Mi piace sentire la musica in generale, dall'Hard Rock alla sinfonica. I love take pictures, I love writing and I am very curiuous. I like to travel. I like the multi-media in all its forms, video and audio. I'm curious, I like to discover and learning. I like to go to the cinema, I like to hear the music from hard rock to symphonic.
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...