Siamo usciti dalla crisi? Può darsi, forse o no? Napolitano, Monti e il futuro presidente della Repubblica.

Nelle passate settimane la professoressa Sofia Ventura, via twitter, ha fatto girare un’articolo dal titolo “Napolitano segreto” a firma di Salvatore Merlo de il “Foglio” (pubblicato il 17 agosto 2012 alle ore 17,50) che raccontava di un presidente della Repubblica a fine mandato che stava lavorando per la riconferma di Mario Monti. Nell’articolo, molto denso di nomi di primo piano dell’attuale scena politica e non solo (Grillo in testa), si arrivava ad ipotizzare, nel malagurato caso che non si uscisse dalla crisi economica ed evitare una scivolata del paese verso un populismo cavalcante, che si tenesse “botta su una linea di rigore europeista. Insomma con l’agenda Monti in campo. Meglio ancora, poi, – conclude Merlo – se in campo rimane pure l’autore dell’agenda: se non proprio a Palazzo Chigi almeno a vigilare dal Quirinale”.

Nessuno ha smentito quanto scritto da Merlo, come era stato richiesto via twitter dalla professoressa Ventura (@sofiajeanne) che a differenza del sottoscritto ha (o aveva, non si capisce se il tuo account è ancora attivo) tra i suoi “followers” gente del calibro di Pierferdinando Casini forte sostenitore del professore di Varese.

La linea del rigore e della crescita (sigh!) invocata da tutti gli esponenti del Goveno Monti e non solo, sta pagando in quanto lo spread Bund – Btp a 10 anni è a circa 420.

In questi giorni un avvenimento sta catalizzando l’attenzione della gente ed è il meeting di Rimini. Tutti quelli che sono passati dal meeting si sono prodigati a dire che la fine della crisi e vicina (quando una nazione come l’Italia ha il debito pubblico che ha e recentemente è ancora aumentato in percentuale, io questa luce non la vedo proprio) da Monti a Corrado Passera, ministro dello sviluppo, quello dell’ideona che con buona pace di tutti deve ancora arrivare.

La riunione dei cattolici di CL e non solo, ha più di 30 anni  – 33 per l’esattezza – ed è una bella vetrina per chi governa con il rischio di fare delle dichiarazioni che, nell’epoca di internet, rischiano di essere smentite in pochi minuti.

Monti ha fatto un intervento ritenuto dai molti “bored” ovvero noiso, come piace a lui l’uso di inglesismi. Poi si è visto il ministro Passera (ex Intesa-SanPaolo e uno degli major sponsor della kermesse di Rimini), di ritorno da Taranto, dove, sulla salute della gente e dell’azienda metallurgica ILVA, si è scatenata una battaglia tra il Governo e la Magistratura che per fortuna si è ridimensionata in attesa di ulteriori sviluppi.

Anche Corrado Passera ha voluto fare il suo intervento e per cercare di dire che si stava meglio quando si stava peggio (forse?) ha ricordato l’agosto 2011 ma dimenticandosi di accennare dei provvedimenti adottati in quattro e quattr’otto dal Parlamento allo scopo di evitare (fino a che punto) il default dell’Italia. In più si è sostituito alla Fornero (ministro di alcune riforme che faranno piangere gli italiani) quando ha affermato che l’Italia deve investire nel welfare e se vuole ripartire e nel diminuire le tasse. Ohibo? A che gioco stanno giocando? Mica si staranno convertendo nel gioco preferito dai politici di fare promesse a ridosso delle elezioni per poi disattenderle appena eletti? Chi rinuncerebbe al sesso se venisse eletto? Qui un candidato l’abbiamo già, oltre a quello del PD siciliano che lo ha annunciato in caso di elezione, ma sta governando ancora – anche se ha  problemi giudiziari in corso- e allora sarebbe come sparare sulla croce rossa…

Il governo Monti, con alcune anomalie e non virtù di alcuni suoi componenti – ministro degli Esteri Terzi in testa – è il più europeista in assoluto dalla nascita delle Comunità europee e, con a capo, un primo ministro “inserito” nei comitati che contano, è stato supportato nei giorni scorsi dalle agenzie di rating che hanno affermato, dopo averci “randellato” ben bene facendo diventare il debito sovrano italiano quasi carta straccia, che l’Italia è sulla strada giusta e che dal 2013 si potranno vedere gli effetti delle riforme.

Ma di quale strada stanno parlando? Dell’autostrada Milano – Napoli o della Salerno Reggio Calabria o della mulattiera di Vernante (CN)? Le dichiarazioni positive sono delle stesse Agenzie di rating che sono state coinvolte nell’inchiesta della procura di Trani su strane vicende sul debito italiano e che hanno portato al rinvio a giudizio dei vertici italiani di S&P e Fitch. Perché fare ora queste dichiarazioni? Su quali nuove basi di valutazione per orientarsi in modo positivo anche se con dei dubbi grossi come una casa? Solo perché la riforma Fornero o l’approvazione della “Spending review” viene vista come base per un alleggerimento delle zavorre dello stato italiano con dismissioni e licenziamenti di massa? Non sarà così – prendendo per vero le parole dei Patroni Griffi, ministro della Funzione Pubbica – quello della casa acquistata a buon prezzo con vista sul Colosseo – ma il lento processo iniziato con il ministro Brunetta e la sua riforma della Pubblica Amministrazione sta per iniziare a dare i primi frutti e su questo le Agenzie esprimono i loro apprezzamenti e lo spread rallenta. Corretto? Vedremo. Per ora i dati stanno dando ragione a Monti e forse dal Colle potrà avere una visione ancora più completa della scena politica italiana se  uno tra Casini, Rosi Bindi o Romano Prodi glielo permetteranno.

Annunci

Informazioni su Bruno Angelo Porcellana

Mi piace viaggiare, scattare fotografie e sono molto curioso. Mi piace la multimedialità artistica in tutte le sue forme. Sono un appassionato fotografo, mi piace scrivere ma più di tutto sono interessato alle novità, mi piace scoprire e imparare. Mi piace andare al Cinema. Mi piace sentire la musica in generale, dall'Hard Rock alla sinfonica. I love take pictures, I love writing and I am very curiuous. I like to travel. I like the multi-media in all its forms, video and audio. I'm curious, I like to discover and learning. I like to go to the cinema, I like to hear the music from hard rock to symphonic.
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...