Monti, il Bailout e come la Merkel usi il bastone e la carota con l’Italia.

Il mese di agosto con le sue cassandre di sventura è alle spalle e si può tirare un sospiro di sollievo anche se non si è usciti da questa profonda crisi. I “mercati” finanziari hanno permesso a noi italiani e più in generale agli europei con “piccoli” problemi di carattere economico finanziario, di trascorrere un agosto senza i grossi patemi d’animo subiti lo scorso anno, come tutti ben ricorderanno. Le società di rating ci hanno dato una mano anche se appena possibile hanno tirato la pietra e nascosto la mano e lo spread tra il Bund tedesco e il Btp italiano si è nuovamente divaricato.

L’agosto italico, con temperature africane, è iniziato con i problemi di Taranto e dell’ILVA per terminare con  quelli della Sardegna della Carbosulcis e dell’Alcoa, passando ai dolori del ministro della salute che volendosi ergere a paladino della salute è stato bocciato dal pre Consiglio dei Ministri in attesa di tempi migliori. Gli indicatori economici usciti oggi non lasciano intendere nulla di buon per il futuro. Il PIL è a – 2,1 e i provvedimenti adottati dal Governo non hanno fatto che peggiorare la situazione.

Poi, si giunge al nocciolo della questione, che a mio modesto parere non ha avuto il giusto spazio sui mezzi d’informazione. Non si tratta delle intercettazioni che hanno riguardato il Presidente della Repubblica né i problemi dei partiti politici alle prese con le prossime elezioni, anche se quello che deciderà Monti nei prossimi giorni inciderà profondamente sulla vita politica del Paese, ma si tratta della richiesta di aiuto all’Europa (Bailout totale o parziale – usando un termine anglosassone caro al Primo Ministro Monti) procrastinato in là per volere della Cancelliera tedesca Angela Merkel.

Nei mesi scorsi ci siamo già legati le mani e forse anche i piedi con il fiscal compact votato in Parlamento (senza parlare del pareggio di bilancio in Costituzione)  ma quanto scritto ieri da Federico Fubini a pagina 9 del Corriere della Sera, su cosa avverrebbe in caso di eventuale richiesta di aiuto, viene confermato da Giuliano Zulin a pagina 2 di Libero di oggi il quale scrive che quando Monti chiederà l’intervento dell’Europa, ( e prima o poi questo avverrà)  le elezioni politiche con i loro programmi elettorali saranno inutili e la troika europea chiederà agli italiani altre lacrime e sangue in termini di tagli e di aumento di tasse. Brutto destino per un paese che nell’arco di un anno ha subito miliardi di euro di tagli per rimanere a galla.

Passando nel campo politico, che con la scelta di Monti quale premier hanno molto a che fare,  in questi giorni siamo alle prese delle beghe all’interno del centrosinistra, in modo particolare nel PD, tra Bersani e i cd. Rottamatori – Renzi in testa, e poi tra PD e il movimento 5 stelle di Grillo. Il PD vuole allearsi con Casini (UDC) mentre il SEL di Vendola non vuole (considerando il programma antitetico a quello di Casini e di Monti)  e desidera mantenere l’alleanza tra il SEL, il PD e l’IDV di Di Pietro. Sarà un lungo autunno per la politica italiana o di quel che ne rimane, dopo il Governo Monti che ha decretato il fallimento.

Questi sono giorni importanti per la nostra democrazia, come ha dichiarato il Procuratore Antimafia Grasso. Tanto fumo è stato alzato in questi giorni e il vero motivo, allo stato attuale, non è stato ancora compreso. Ultimo polverone in ordine di tempo, i rapporti tra i diplomatici USA e di Pietro e le sue frequentazioni agli inizi degli anni 90. A quale titolo si ritirano fuori fatti vecchi di 20 anni che nulla hanno a vedere con la vita politica attuale? Si vuole vedere nei comportamenti di Di Pietro di allora  qualcosa che poteva essere considerato un comportamento contro agli organi dello Stato  e perché ritirare fuori questa storia ora, a chi giova?

Annunci

Informazioni su Bruno Angelo Porcellana

Mi piace viaggiare, scattare fotografie e sono molto curioso. Mi piace la multimedialità artistica in tutte le sue forme. Sono un appassionato fotografo, mi piace scrivere ma più di tutto sono interessato alle novità, mi piace scoprire e imparare. Mi piace andare al Cinema. Mi piace sentire la musica in generale, dall'Hard Rock alla sinfonica. I love take pictures, I love writing and I am very curiuous. I like to travel. I like the multi-media in all its forms, video and audio. I'm curious, I like to discover and learning. I like to go to the cinema, I like to hear the music from hard rock to symphonic.
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...