Monti si defila e le urne si avvicinano. Bersani pronto a sfidare Berlusconi e non solo… Ora primarie per i parlamentari.

Dopo che Berlusconi ha dichiarato di scendere di nuovo in campo e la conseguente “indisponibilità” di Monti a proseguire l’esperienza governativa, parafrasando la famosa frase detta nel film “Il Gladiatore” , si è scatenato l’inferno. Ed effettivamente ciò è avvenuto. Una pioggia di dichiarazioni da parte di politici sia italiani che stranieri e di tutte le parti politiche (destra, sinistra e centro), alcune comprensibili ma alcune, come quella del presidente del Parlamento Europeo, Martin Shultz, molto sopra le righe. In qualità di esponente politico lo si può comprendere ma in qualità di presidente di un consesso istituzionale come il Parlamento Europeo ci saremmo aspettati un comportamento più contenuto e riservato ma ciò non è avvenuto (anche per i trascorsi burrascosi tra lui e Berlusconi) e ne prendiamo atto.

I media nazionali e internazionali, come quasi sempre, oltre a mettere in evidenza la venuta a meno della fiducia del PDL a Monti, hanno iniziato a fare cassa di risonanza evidenziando i problemi che l’Italia e gli italiani potrebbero affrontare nei prossimi mesi. A seconda dell’area politica di riferimento, c’è chi ha dato contro a Monti e chi ha dato contro Berlusconi e così si è iniziato a mettere in dubbio la fiducia nel paese Italia e i “mercati” non sono insensibili a questi “rumors”. Che cosa ci dovremo aspettare? Un aumento dello spread? Il rapporto tra i Bund tedeschi e i nostri BTP aumenterà rispetto alla chiusura di venerdì? Vedremo, ma è molto strano continuare a vedere Stati che usano la stessa moneta vengano trattati dai mercati in modo differente. Urge riforma.

Oggi il Ministro Patroni Griffi ha parlato delle Province e di quello che potrebbe accadere se non venisse convertito l’ultimo Decreto Legge che le vede interessate (accorpamenti, riduzioni) paventando che nel caso non fosse approvato, ci potrebbe essere il rischio per la manutenzione di strade, possibile chiusura delle scuole e altre oggetti di competenza provinciale. Ricordando la polemica che il Governo ebbe con il presidente delle Unione Province Italiane Antonio Saitta, il quale aveva detto che se i tagli delle risorse fossero stati confermati, sarebbe stato meglio far fare un giorno di vacanza in più a Natale per risparmiare e per questo richiamato ad un comportamento consono al suo ruolo. A distanza di tempo le parole di Saitta, rispetto a quelle governative di oggi, erano acqua fresca ma ormai siamo in campagna elettorale.

Nei prossimi giorni sapremo se Monti darà il consenso affinché ci sia una lista che faccia esplicitamente al suo nome. Il professore, leggendo le dichiarazioni di questi mesi, sarebbe attratto da questa prospettiva anche se, a differenza dell’Europa, il posto non è fisso ed è molto a tempo determinato. Molte persone vicino a lui (Riccardi in primis) lo stanno tirando per la giacchetta per farlo scendere in politica “etichettato” e non “tecnico” ma il rischio di fare flop è dietro l’angolo e una sconfitta alle prossime elezioni politiche ne determinerebbe l’uscita di scena per sempre. Molti sostenitori del Monti premier lo sarebbero ancora se sapessero che potrebbe essere il loro competitor per Palazzo Chigi e in subordine per il Quirinale? Palazzo Giustiniani è pur sempre una bella sede di rappresentanza, a vita, per l’ex rettore della Bocconi.

Se tutto ruota sul ritorno nell’agone politico di Berlusconi, non ci si deve dimenticare del Partito Democratico e di quello che è avvenuto nei mesi scorsi con le primarie per individuare il candidato premier del Centrosinistra. Bersani ha vinto ma non ha stravinto (lo avevamo già scritto) nella competizione con Matteo Renzi il quale ha avuto il merito di tenere in vita e fare diventare una gara vera, una competizione che non avrebbe avuto storia se non ci fosse stato un “competitor” forte e credibile come il Sindaco di Firenze. Adesso che nel centrosinistra è stato individuato il candidato premier, bisogna immediatamente individuare i futuri parlamentari e vedere se raccolgono i favori degli elettori. Il numero dei parlamentari del PD potrebbe essere di numero importante e i tempi che si prospettano saranno molto impegnativi e decisivi per le sorti future del nostro paese.

Annunci

Informazioni su Bruno Angelo Porcellana

Mi piace viaggiare, scattare fotografie e sono molto curioso. Mi piace la multimedialità artistica in tutte le sue forme. Sono un appassionato fotografo, mi piace scrivere ma più di tutto sono interessato alle novità, mi piace scoprire e imparare. Mi piace andare al Cinema. Mi piace sentire la musica in generale, dall'Hard Rock alla sinfonica. I love take pictures, I love writing and I am very curiuous. I like to travel. I like the multi-media in all its forms, video and audio. I'm curious, I like to discover and learning. I like to go to the cinema, I like to hear the music from hard rock to symphonic.
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...