Berlusconi vuole abolire l’IMU. D’Alema dichiara che si tratta di una “sola”, Monti: “Berlusconi incantatore di serpenti”. E l’indagine sul Monte dei Paschi pericolosamente lambisce i palazzi della politica….

Et voilà, la sorpresa, preannunciata da Angelino Alfano sulla 7, di Berlusconi è servita. L’IMU del 2012 pagata sulla prima casa e quella agricola restituite e ovviamente l’IMU abolita per il futuro. A parte Maroni (alleato del Cavaliere alle prossime elezioni) l’uscita di Berlusconi è stata commentata in modo vario (molto acidamente) dagli avversari, in primis da Bersani giungendo a Monti passando da Ingroia, anche se non dobbiamo dimenticarci della dichiarazione Massimo D’Alema che ha dichiarato che l’uscita di Berlusconi è “tecnicamente una sola”. Il più benevolo ha ricordato le promesse mancate dal Cavaliere in tutti gli anni che ha governato (15, a sentire Vendola) e allora come è avvenuto in passato, anche questa promessa rimarrà tale passate le elezioni.

Che sia chiaramente una promessa di tipo elettoralistico (una “boutade”) non ci sono dubbi ma che surriscaldi ancor di più il clima politico, il proprio elettorato e che possa fare breccia sugli indecisi, (che ad oggi, secondo il Barometro Politico dell’Istituto Demopolis, sarebbe circa il 20 percento), è indubbio. Sempre secondo l’Istituto Demopolis, a meno di tre settimane dal voto, il Centrosinistra godrebbe di un 34% di consensi così mantenendo un vantaggio sul Centrodestra (27,8%) di poco meno di 6 punti percentuali. Al 16,5% si posizionerebbe, in ulteriore crescita, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo (in ripresa dopo il suo tsunami tour) mentre verrebbe quotata al 15,4% la coalizione guidata da Mario Monti.

Sempre s.Secondo un’indagine di Demopolis, per i quotidiani Locali del Gruppo l’Espresso, la coalizione di Bersani otterrebbe, con un buon margine, il premio di maggioranza alla Camera, conquistando circa 340 seggi. 125 deputati andrebbero al Centro Destra, 77 al Movimento 5 Stelle, 70 seggi all’area centrista dell’attuale Premier. Circa 20 deputati andrebbero a Rivoluzione Civile attestata poco sopra il 4%. I .primi tre partiti sarebbero il PD al 28,5%, il PDL al 19%, il Movimento 5 Stelle al 16,5%.

Pietro Vento, direttore di Demopolis, ha affermato che l’esito delle prossime elezioni si giocherà comunque sul numero dei seggi attribuiti al Senato in base ai diversi premi di maggioranza regionali e che la vera partita si giocherà in Lombardia ed in Sicilia, le due regioni maggiormente incerte nelle quali si registra una situazione di sostanziale parità e dal cui voto dipenderà la governabilità del Paese. Infatti, nelle regioni in bilico, come nel resto d’Italia, determinante risulterà, come abbiamo scritto, la scelta degli indecisi e le uscite di Berlusconi sull’IMU e sulla sua abolizione e restituzione ai cittadini avrà sicuramente un peso i prossimi 24/25 febbraio.

Il rischio dell’ingovernabilità è forte. Noi non crediamo che sia l’uscita di Berlusconi di questi giorni o l’acquisto del Milan del giocatore Mario Balotelli, faccia pendere bilancia a favore del PDL. Altre, secondo noi, sono le situazione  non chiare sulla scena politica nazionale che potrebbero rimettere tutto in gioco e la vittoria del centrosinistra non sarebbe più certa come qualche mese fa. In primis l’affaire Monte dei Paschi di Siena con le polemiche al calor bianco tra gli esponenti della Lega e il Quirinale con le accuse dei primi al presidente della Repubblica per l’intervento a smorzare i toni (molto caro al comico Maurizio Crozza) e lasciando lavorare i magistrati. La settimana che è iniziata sarà per certi versi decisiva per capire quali strade prenderanno le indagini che le varie procure italiane hanno aperto su piazza Salimbeni 3 a Siena e visto l’intervento del Consiglio Superiore della Magistratura tra un po’ sapremo chi sarà la titolare dell’inchiesta.

Tutti temono la crisi del Monte (in maggior modo il PD ma anche altri partiti e movimenti politici rischiano di bruciarsi ) e sperano che la questione MPS rimanga congelata fino a dopo le elezioni, in quanto, se dovesse venire a galla qualcosa in merito agli uomini politici in corsa per le elezioni politiche, questi rischierebbero fortemente di vedersi bruciati (ricordiamo i problemi che hanno toccato l’IDV di Di Pietro e di tutto quello che ne è conseguito con il rischio sparizione del movimento) e trascinando con loro i rispettivi movimenti o partiti che rappresentano.

Tra tutte le cose che si sono sentite in questi giorni sul Monte Paschi di Siena, l’unica cosa che ci sentiamo di fare nostra e sostenere con forza, è quella che i problemi della Banca non si devono risolvere facendo pagare il conto ai risparmiatori. Sarebbe veramente grave che per mere beghe politiche venisse penalizzato il terzo istituto di credito nazionale.

Annunci

Informazioni su Bruno Angelo Porcellana

Mi piace viaggiare, scattare fotografie e sono molto curioso. Mi piace la multimedialità artistica in tutte le sue forme. Sono un appassionato fotografo, mi piace scrivere ma più di tutto sono interessato alle novità, mi piace scoprire e imparare. Mi piace andare al Cinema. Mi piace sentire la musica in generale, dall'Hard Rock alla sinfonica. I love take pictures, I love writing and I am very curiuous. I like to travel. I like the multi-media in all its forms, video and audio. I'm curious, I like to discover and learning. I like to go to the cinema, I like to hear the music from hard rock to symphonic.
Questa voce è stata pubblicata in Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...